Chi riceve molto affetto quando è piccolo risulta più forte nell’affrontare i problemi della vita da adulto.

Immagine di una mamma con sua figliaMolte teorie psicologiche concordano con il senso comune nell’affermare che i soggetti che sono stati ricoperti d’affetto da piccoli riescono ad affrontare, da adulti, la vita con maggiore sicurezza. Alcuni esperimenti prima d’ora avevano cercato di dimostrare in modo scientifico tale ipotesi, ma spesso si basavano sul ricordo soggettivo dei partecipanti e non su valutazioni standardizzate. Ora una ricerca pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health conferma tale ipotesi grazie a dati ottenuti monitorando 482 soggetti sia nei primi mesi di vita che all’età di circa trenta anni.

 

Una equipe di psicologi ha valutato, attraverso misurazioni obbiettive standardizzate, la qualità delle interazioni di ogni soggetto con la propria madre all’età di circa otto mesi. Alla fine di ogni sessione veniva redatto un resoconto del tipo di interazione madre figlio che permetteva una categorizzazione semplificata, come ad esempio “sicuro”, “negativo”, “stravagante”, ecc…

Successivamente, quando i soggetti hanno raggiunto l’età di circa 34 anni, sono stati sottoposti ad un ulteriore batteria di test per la valutazione della loro salute mentale. Sono stati misurati in questa occasione aspetti specifici come i livelli d’ansia, di aggressività e d’angoscia.

Nella valutazione fatta quando i soggetti avevano otto mesi circa il 10% (46 soggetti) è stato caratterizzato da un livello di “affetto materno” carente o scarso; l’85% (409 soggetti) da un livello di affetto normale e il 6% (27 soggetti) da un livello di affetto molto elevato.

Quando i dati delle due analisi sono stati comparati è emerso che chi da bambino aveva ricevuto le dosi maggiori di affetto, da adulto manifestava livelli minori di ansia, di ostilità e di angoscia.

Gli autori hanno dunque concluso che è empiricamente dimostrata la connessione tra livelli di affettività espressa dai genitori e senso di sicurezza percepito dal bambino durante la crescita. Questo ha ovviamente ripercussioni su eventuali sintomatologie ansiose / aggressive nella vita adulta.

Alti livelli di affetto materno sono in grado di agevolare quelle che viene definito “schema di attaccamento sicuro”, il che si traduce non solo con bassi livelli di ansia e di angoscia, ma anche con maggiori capacità sociali e relazionali.

Fonte: BMJ-British Medical Journal (2010, July 27). Plentiful maternal affection in early infancy boosts adult coping skills, study finds.

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è in Viale Martiri della Libertà, 28 a Macerata. Potete chiamarmi per un appuntamento al 328 00 31 262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento