Dormire bene. A cosa serve il sonno.

A cosa serve il sonno

Perché gli animali dormono? Perché gli umani “sprecano” un terzo della loro vita dormendo?
Uno dei motivi principali per i quali è necessario dormire consiste nel fatto che il sonno ci permette di ridurre il danno al DNA accumulato nelle cellule cerebrali durante la fase di veglia.

Durante l’evoluzione il sonno è rimasto universale ed essenziale per tutti gli organismi dotati di un sistema nervoso, inclusi gli invertebrati come le mosche, i vermi e persino le meduse. Tuttavia il motivo per cui gli animali dormono, nonostante la continua minaccia rappresentata dai predatori, rimane ancora un mistero.

La lista dei meccanismi biologici che si attivano durante la fase del sonno è lunga ma ora, grazie ai risultati di un recente studio, possiamo affermare che una delle ragioni principali che porta gli animali ad abbassare il loro livello di consapevolezza ambientale consiste nel fatto che mentre dormono i neuroni del sistema nervoso attivano un processo di ristrutturazione e di mantenimento del DNA.

Ciò è coerente con la correlazione nota tra disturbi del sonno e prestazioni cognitive, invecchiamento e disturbi cerebrali.

Lo studio è stato condotto sul pesce zebra, scelto appositamente per le sue peculiarità anatomiche. L’utilizzo del pesce zebra, grazie alla sua trasparenza, ha favorito l’osservazione dei meccanismi che si attivano in ogni singola cellula del sistema nervoso all’interno di un animale vivo.

Utilizzando un microscopio ad alta risoluzione, in associazione a tecniche di imaging 3D e di time-lapse, è stato possibile osservare l’attività del DNA e delle proteine nucleari all’interno di cellule nervose di pesci vivi sia durante la fase di veglia che durante la fase di sonno.

I ricercatori sono stati particolarmente sorpresi dallo scoprire che i cromosomi sono più attivi di notte, quando il corpo riposa, e dal notare che questa maggiore attività garantisce una maggiore efficienza del processo di riparazione del DNA.

Il danno al DNA può essere causato da molti processi tra i quali le radiazioni, lo stress ossidativo e persino dalla semplice attività neuronale.

I sistemi di riparazione del DNA all’interno di ogni cellula correggono questo danno.

Tuttavia, durante la veglia, quando la dinamica dei cromosomi è bassa, il danno al DNA tende ad accumularsi costantemente fino a raggiungere livelli pericolosi.

Il ruolo del sonno è dunque quello di favorire l’incremento della dinamica cromosomica e conseguentemente l’efficacia della riparazione dei danni al DNA di ogni singolo neurone (e, presumibilmente, di ogni singola cellula del corpo).

Apparentemente, questo processo di manutenzione del DNA non è abbastanza efficiente durante la veglia e richiede, per essere portato a termine correttamente, un periodo di sonno sufficientemente lungo.

Link Fonte

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è a Macerata in Via Cincinelli n.41. Potete chiamarmi per un appuntamento al 3280031262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Lascia un commento