Dormire bene fa dimagrire e perdere peso. La carenza di sonno fa ingrassare.

sonno irregolare e aumento di peso

Dormire poco o non rispettare un ciclo sonno veglia regolare aumenta il rischio di obesità. Se dormiamo male non possiamo dimagrire perché vogliamo mangiare di più, vogliamo cibi più calorici e siamo meno disposti a fare attività fisica.

I ritmi frenetici della vita moderna possono predisporre all’aumento di peso modificando la sensazione di fame e di appetito e alterando il nostro approccio al cibo e all’esercizio fisico.

Ad affermarlo sono gli autori di un recente studio presentato al Congresso Europeo di Endocrinologia a Lisbona.

Un numero sempre maggiore di persone, costrette al modello socio economico “h24”, lamenta una ridotta quantità e qualità del sonno e una routine sonno veglia irregolare.

Diversi studi hanno correlato la deprivazione dal sonno con l’aumento di peso, tuttavia la causa principale di un aumento del rischio di obesità come conseguenza dei disturbi del sonno è poco chiara.
Può essere la conseguenza di una variazione dell’appetito, del metabolismo, della motivazione, o della quantità di attività fisica.
Oppure una combinazione di tutti questi fattori.

Il gruppo di ricerca dell’Università di Uppsala, in Svezia, ha condotto una serie di studi su soggetti umani per indagare su come la perdita di ore di riposo possa alterare il metabolismo energetico.

 

Questi studi hanno misurato e registrato dati relativi a risposte comportamentali, fisiologiche e biochimiche al cibo dopo la privazione acuta del sonno.

 

I dati comportamentali rivelano che soggetti umani sani, a seguito di deprivazione del sonno, tendono a preferire porzioni di cibo più grandi e più caloriche. 
Mostrano segni di una maggiore impulsività alimentare.
Sperimentano più piacere dal cibo e tendono ad essere meno attivi fisicamente, di conseguenza a consumare meno energia.

I dati fisiologici indicano che la perdita di sonno sposta l’equilibrio ormonale tra gli ormoni che segnalano la sazietà (come il GLP-1 Glucagon-like peptide 1), e quelli che inducono la fame (come la grelina o ghrelina)  a favore di questi ultimi.

La deprivazione del sonno ha anche la capacità di aumentare i livelli di endocannabinoidi. L’aumento dei livelli di endocannabinoidi è noto essere correlato con l’aumento dell’appetito.

 

Infine, una deprivazione acuta dal sonno altera l’equilibrio dei batteri intestinale, equilibrio che è alla base di un metabolismo sano.

Dal momento che il sonno irregolare è una caratteristica comune della vita moderna non sorprende che i disturbi metabolici, come l’obesità, siano in continuo aumento.

Tuttavia, se è vero che lo stile di vita caratterizzato da un ciclo sonno veglia irregolare favorisce l’aumento di peso, è logico supporre che un primo intervento per ridurre il rischio di obesità sia quello di stabilire orari regolari per il riposo.

Link Fonte

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è in Viale Martiri della Libertà, 28 a Macerata. Potete chiamarmi per un appuntamento al 328 00 31 262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento