Le sigarette elettroniche fanno male? Decisamente si.

Sigaretta

La popolarità delle sigarette elettroniche (e-cigarette) è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. Nate, e reclamizzate, come alternativa “sana” alle più nocive sigarette tradizionali ora stanno mostrando il lato oscuro.

Come valutare se le sigarette elettroniche rappresentino un vantaggio o una trappola per la salute di una popolazione?

Da un lato possono rappresentare sicuramente una alternativa meno dannosa per chi vuole smettere di fumare. Il passaggio dalle sigarette tradizionali alle sigarette elettroniche per un fumatore “analogico” comporta indubbiamente una diminuzione dei rischi di salute, almeno stando ai dati attuali.

Tuttavia, per un fumatore tradizionale, la speranza di smettere con la sua dipendenza dopo un breve periodo di transizione in compagnia delle e-cigarette, nella maggior parte dei casi rimane solo una speranza (a causa di meccanismi psicologici abbastanza ovvi).

Ma il problema più grave, legato alla diffusione delle sigarette elettroniche, è rappresentato dalla estrema disponibilità di questo “prodotto” per un pubblico ancora poco preparato ad affrontare scelte consapevoli.

Passeggiando per le vie di una qualsiasi delle nostre città, sarà capitato anche a voi di notare la vetrina di uno di questi “svapo-negozi”.

Design curato, colori luccicanti, aromi irresistibili. Un mix che sembra fondere insieme lo svago ammiccante di un negozio di giocattoli, il gusto estetico di una profumeria ed il brivido per l’ultimo gadget tipico di un hi tech store.

E come può un adolescente resistere a tanto fascino? Semplice, non può!

E poi, come dicevano le nonne di una volta … “si comincia con la (e-)sigaretta e non si sa dove va a finire!”

Luoghi comuni? Forse no.

Stando ai dati di un recente studio, fatti i conti, se si cerca di quantificare i benefici per la salute apportati dalle sigarette elettroniche e li si mette a confronto con gli svantaggi il risultato è impietoso.

Le sigarette elettroniche sono dannose per la popolazione perché aumentano notevolmente il numero di adolescenti e giovani che alla fine diventeranno veri fumatori.

La ricerca ha cercato di quantificare l’equilibrio tra rischi e benefici sulla base dei dati scientifici più attuali.

Ciò che emerge è che a fronte di un numero esiguo di “vecchi” fumatori che riescono a smettere si ha uno sproporzionato incremento di nuovi e-fumatori attratti dalla nascente moda.

Utilizzando i dati provenienti dai censimenti, dalle indagini nazionali sulla salute e sul consumo di tabacco e le informazioni ricavate dalla letteratura scientifica, il team di ricerca ha calcolato gli anni di vita guadagnati o persi come conseguenza dell’uso della sigaretta elettronica.

Il calcolo si è basato su metodi computazionali basati sul campionamento casuale (i Metodi Montecarlo).

Le stime ottenute attraverso simulazioni dicono che “le sigarette elettroniche potrebbero portare a oltre 1,5 milioni di anni di vita persi, in quanto il loro uso potrebbe aumentare notevolmente il numero di adolescenti e giovani adulti che alla fine diventeranno fumatori di sigarette”.

Tutto ciò basandosi sulle prove scientifiche esistenti e soprattutto su un ipotesi ottimistica relativa al danno causato dall’utilizzo della sigaretta elettronica rispetto al fumo di sigaretta tradizionale.

Link Fonte

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è a Macerata in Via Cincinelli n.41. Potete chiamarmi per un appuntamento al 3280031262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento