L’energia del cervello si ricarica durante il sonno.

Sonno e ATPTutti sappiamo che una buona notte di riposo ha evidenti effetti rigenerativi, ma le prove dei reali processi biologici che si verificano durante il sonno non sono mai state trovate.

Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Neuroscience il 30 Giugno 2010 nelle fasi iniziali del sonno, i livelli di energia (ATP) aumentano drasticamente nelle regioni del cervello che sono state attive durante la veglia. Questi risultati suggeriscono che un impulso di energia cellulare nel cervello, misurata in base alla quantità di ATP (adenosina trifosfato, la valuta energetica delle cellule), può alimentare i processi necessari per il funzionamento normale durante la veglia.

 

Radhika Basheer, e Robert McCarley della Harvard Medical School, hanno proposto l’idea secondo la quale i livelli di energia del cervello sono la chiave per spiegare il fenomeno del ristoro notturno.

“La nostra scoperta fa luce su uno degli enigmi più vecchi della biologia: la funzione del sonno” afferma Basheer, “sorpresa delle sorprese, non c’era alcuno studio sulla dinamica energetica nel cervello condotto con le più moderne e sensibili tecnologie di misurazione”.

Gli autori hanno misurato i livelli di adenosina trifosfato (ATP), la moneta energetica delle cellule, nei ratti. Hanno trovato che i livelli di ATP in quattro regioni chiave del cervello, normalmente attive durante la veglia, aumentavano notevolmente quando i topi erano in sonno non REM, e l’aumento era accompagnato da una generale diminuzione dell’attività cerebrale. Quindi i livelli di ATP aumentavano per essere immagazzinati e non per dare energia ad una attività in corso.

Quando gli animali erano svegli, i livelli di ATP restavano costanti. Quando i ratti venivano “gentilmente” tenuti in fase di veglia per 3-6 ore in più rispetto ai loro ritmi normali, non vi era alcun aumento in ATP. Gli autori hanno concluso che il sonno è necessario per questo aumento repentino di ATP e che la veglia forzata impedisce la ricarica di energia cellulare.

Il sonno non REM favorisce il processo di rigenerazione bio-sintetica. La rigenerazione è assente durante la veglia presumibilmente perché il consumo di ATP per lo svolgimento delle normali attività quotidiane impedisce l’accumulo. È quindi necessario un periodo di sosta per “fare il pieno” di carburante da bruciare durante il giorno.

La causa specifica del repentino aumento di ATP potrebbe dunque essere legata alla diminuzione dell’attività cerebrale delle cellule durante il sonno, ma potrebbero esserci altre cause, come ad esempio l’avvio della produzione a seguito di un segnale specifico inviato da specifiche cellule nervose.

 

Fonte: Society for Neuroscience (2010, July 7). Brain’s energy restored during sleep, suggests animal study.

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è in Viale Martiri della Libertà, 28 a Macerata. Potete chiamarmi per un appuntamento al 328 00 31 262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento