Nei soggetti affetti da Disturbo dello Spettro Autistico le dimensioni dell’amigdala non aumentano con l’età

 

Sviluppo amigdala adolescentiI ricercatori hanno scoperto che nei bambini, durante lo sviluppo, il numero di neuroni in una specifica regione del cervello, l’amigdala, subisce un notevole incremento. Questo fenomeno, tuttavia, non si verifica nelle persone con disturbo dello spettro autistico (ASD). Al contrario, i bambini con autismo sembrano avere troppi neuroni in fase precoce per poi perderli con la maturazione.

L’amigdala è nota per essere coinvolta nella regolazione del comportamento sociale ed emotivo. Si tratta di un piccolo gruppo di 13 regioni (nuclei) a forma di mandorla che sembra funzionare come una sorta di “rilevatore del pericolo”.

La disfunzione dell’amigdala è stata collegata a molti disturbi psichiatrici e dello sviluppo neurologico, tra cui l’ASD (disturbo dello spettro autistico), la schizofrenia, il disturbo bipolare, l’ansia, il disturbo port traumatico da stress e la depressione.

L’amigdala è una struttura cerebrale unica, in quanto sembra avere una crescita notevolmente superiore alle altre regioni del cervello soprattutto durante l’adolescenza, quando si ha una forte maturazione emotiva e sociale.

Chiaramente, qualsiasi deviazione da questo normale processo di sviluppo può influenzare profondamente il comportamento umano.

 

Per capire quali fattori cellulari sono alla base dello sviluppo dell’amigdala il gruppo di ricerca ha studiato 52 cervelli umani postmortem.

I cervelli, appartenenti a 52 soggetti deceduti in età compresa tra i 2 i i 48 anni, sono stati divisi in due categorie: neurotipici e ASD.

Il termine Neurotipico, oppure NT, è una forma abbreviata per “neurologicamente tipico”. Si tratta di un neologismo, nato in seno alla comunità autistica, utilizzato per identificare le persone che non sono nello spettro autistico.

Dall’analisi è emerso che il numero di neuroni in una delle regioni dell’amigdala è aumentato di oltre il 30% con il passaggio dall’infanzia all’età adulta in individui neurotipici in via di sviluppo.

Al contrario nei soggetti con disturbo dello spettro autistico si è notata una quantità di neuroni in eccesso in età precoce; neuroni che poi, con l’avanzare dell’età, tendevano a diminuire di numero.

Tuttavia al momento non è possibile dire se avere troppi neuroni nell’amigdala nelle prime fasi dello sviluppo sia correlato alla perdita di neuroni in seguito.

Link Fonte

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è a Macerata in Via Cincinelli n.41. Potete chiamarmi per un appuntamento al 3280031262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Lascia un commento