Nuovo ceppo di topi da laboratorio per lo studio della depressione farmaco resistente.

Topo da laboratorioUna nuova ricerca ha individuato uno specifico ceppo di topi da laboratorio  con caratteristiche comportamentali, ormonali, neurochimiche simili a quelle dei pazienti umani soggetti alla depressione  farmaco-resistente. Questi topi identificati alla Penn State University – contraddistinti da un difetto genico – dovrebbero essere utili come nuovo modello organico nello sforzo di sviluppare farmaci più efficaci per specifiche forme di depressione e di ansia. La ricerca, guidata da Bernhard Luscher, professore di biologia della Penn State University, sarà pubblicata sulla rivista Biological Psychiatry.

 

“Un topo non può dirci se si sente depresso, così abbiamo usato diversi tipi di tests – alcuni specificamente creati da noi – per valutare i cambiamenti comportamentali e ormonali di un tipo di depressione che, negli esseri umani, non risponde bene ai farmaci antidepressivi”,  dice Luscher. “Questi indicatori includono: esplorazione ambientale ridotta, mancata fuga da una situazione altamente stressante, e la ridotta ricerca di semplici gratificazioni come quella rappresentata dalla possibilità di abbeverarsi ad una fonte di acqua fresca”.

 

Il difetto genetico dei topi depressi interferisce con la funzione di una proteina nel cervello chiamata recettore GABA-A, che controlla la risposta del neurotrasmettitore acido gamma aminobutyric.
Si sa che la ridotta funzionalità di questo recettore è  coinvolta nei disturbi d’ansia – ma non nella depressione – perché i farmaci attualmente disponibili che attivano il recettore GABA-A sono inefficaci come antidepressivi. “Abbiamo dimostrato in questo lavoro che questa convinzione è sbagliata”, ha dichiarato Luscher. “La nostra ricerca mostra che il recettore GABA-A rappresenta una parte importante dei circuiti del cervello che non funzionano correttamente quando il soggetto è depresso”.

Il topi geneticamente difettosi, con scarsità di recettori GABA-A, del laboratorio di Luscher hanno dimostrato di essere un buon modello organico per lo studio dell’ansia, che si presenta spesso in concomitanza con la depressione. “Circa il 70 per cento delle persone che sono state trattate per la depressione sono state trattate anche per l’ansia, in qualche momento della loro vita, ed i farmaci che vengono utilizzati nelle persone, come gli antidepressivi, agiscono non solo per ridurre la depressione ma anche per ridurre l’ansia”, ha dichiarato Luscher. “Questi fatti suggeriscono che il meccanismo nel cervello che è alla base della depressione deve avere delle cose in comune con quello legato all’ansia”.

Uno dei risultati interessanti delle nuove ricerche Luscher è che alcuni farmaci antidepressivi invertono completamente i sintomi comportamentali e ormonali della depressione nei topi con deficienza di recettori GABA-A, portando il loro comportamento al livello di normale. Allo stesso tempo, i topi normali non hanno avuto nessuna reazione ai suddetti farmaci.

Una delle maggiori problematiche relative agli studi sulla depressione negli esseri umani è che gli scienziati non sanno perché alcuni farmaci antidepressivi non riescono ad aiutare circa il 30 per cento dei pazienti depressi. Poiché i medici non hanno modo di sapere quali farmaci hanno le migliori possibilità efficacia per un determinato paziente li somministrano, uno dopo l’altro, nella speranza di trovare un dosaggio sufficientemente adeguato. Questo problema è aggravato dal fatto che possono passare settimane prima che gli effetti di ogni specifico farmaco diano un beneficio misurabile.

Il team di Luscher ha testato due tipi di farmaci antidepressivi nei topi e ha scoperto che uno dei farmaci riduce i sintomi dell’ansia, ma non della depressione, mentre l’altro agisce sia sull’ansia che sulla depressione. “Quello che non normalizza i comportamenti legati alla depressione è la fluoxetina (Prozac) che funziona agendo sulla serotonina”. Il farmaco che ha ridotto sia i sintomi della depressione che dell’ansia nei topi è la desipramina, che lavora su un diverso neurotrasmettitore, la noradrenalina. Questi risultati sono interessanti perché c’è un ampio gruppo di pazienti depressi che non rispondono bene al Prozac. “Nei pazienti umani con un tipo di depressione chiamato depressione melanconica, la fluoxetina (Prozac) non funziona, ma la desipramina si. “Questi topi sono un po’ come quei pazienti che non rispondono al Prozac”, dice Luscher.

I pazienti che non rispondono al Prozac hanno un livello più alto di cortisolo, l’ormone che nel topo si chiama corticosterone. “I nostri topi hanno anche evidenziato livelli anomali di corticosterone, in correlazione con i pazienti che non rispondono al Prozac”. Nelle persone, il livello di cortisolo viene corretto da farmaci come la desipramina, e così è nei topi. La desipramina corregge i livelli di corticosterone nei topi, cosa che non riesce a fare la fluoxetina”.
Luscher afferma inoltre di aver iniziato ad utilizzare questo modello, basato sui topi resistenti ai farmaci antidepressivi, per conoscere il ruolo dei fattori di sviluppo nell’insorgenza della depressione. La sua ricerca suggerisce che il difetto ormonale da solo non è sufficiente a produrre i sintomi comportamentali della depressione, almeno non se l’anomalia ormonale è presente solo in età adulta. “Alcune ricerche indicano che, se si nasce con determinati fattori di rischio, e qualcosa di altamente stressante accade durante la vita, come ad esempio un’esperienza di guerra, allora questo evento può innescare un disturbo dell’umore”.

Fonte: Penn State (2010, June 30). Depressed mice could aid research on drug-resistant depression in humans.

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è in Viale Martiri della Libertà, 28 a Macerata. Potete chiamarmi per un appuntamento al 328 00 31 262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento