Poter arredare lo spazio di lavoro migliora la salute, aumenta la felicità e la produttività.

Foto di un ufficioSecondo un nuovo studio dell’Università di Exeter, nel Regno Unito, i dipendenti che hanno il controllo sulla progettazione e sull’arredamento dello spazio di lavoro non solo sono più felici e più sani, ma sono anche il 32% più produttivi  rispetto a chi è costretto a lavorare in una postazione “asettica”.

Gli studi effettuati hanno rivelato la possibilità di notevoli miglioramenti negli atteggiamenti dei lavoratori se si permette loro di personalizzare il proprio ufficio. Questi risultati mettono in dubbio la validità dell’approccio adottato dalla maggior parte delle aziende, dove i manager spesso definiscono un ambiente di lavoro standard che dovrebbe riflettere l’idea di una univoca identità aziendale.

Il dottor Craig Knight, che ha condotto la ricerca, afferma “la maggior parte degli uffici contemporanei sono molto funzionali ma offrono poche opportunità di controllo da parte del lavoratore, i nostri studi suggeriscono che tale pratica deve essere messa in discussione. Quando le persone si sentono a disagio nel loro ambiente si sentono anche meno integrate – non solo con lo spazio fisico, ma anche con quello che in tale spazio devono fare. Se possono avere controllo e autonomia, ogni modifica e personalizzazione le rende  più felici e più pronte ad identificarsi con l’azienda, ma soprattutto ciò le rende più produttive”.

La ricerca ha coinvolto più di 2.000 lavoratori , e ha utilizzato sia questionari on-line, per valutare gli atteggiamenti dei dipendenti, sia esperimenti sul campo che hanno analizzato il variare della produttività al variare del controllo sull’arredamento dell’ufficio.

I risultati hanno dimostrato chiaramente che i lavoratori che avevano più controllo erano più felici e più motivati; si sentivano fisicamente a loro agio, si identificavano maggiormente con l’azienda ed erano più positivi nei confronti delle loro occupazioni.
Nelle prove sperimentali, dove I partecipanti dovevano svolgere una serie di compiti in ambienti a diversa libertà di personalizzazione:

  • Ambiente funzionale (asettico ma ben organizzato)
  • Decorato (con piante e quadri)
  • Personalizzabile (i lavoratori avevano la libertà di personalizzare il loro ambiente)
  • Scelto dal manager (lo stile degli uffici era scelto dal manager e non dal lavoratore)

Si è visto che le persone che hanno lavorato negli spazi decorati sono state più produttive del 17% rispetto a chi ha lavorato negli uffici funzionali. Ma soprattutto che chi ha avuto il potere di arredare il proprio spazio di lavoro è stato più produttivo del 32%, in assenza di un aumento degli errori nello svolgimento dei propri compiti.

La ricerca ha inoltre evidenziato una forte correlazione tra la possibilità di gestire  gli spazi di lavoro e i tassi di assenze per malattia dagli uffici.

“Tutto questo potrebbe avere un impatto enorme per le imprese di qualsiasi dimensione, ma i datori di lavoro raramente considerano le implicazioni psicologiche del loro modo di gestire l’azienda. Prestando maggiore attenzione alle esigenze dei lavoratori potrebbero aumentare il benessere e la produttività a costi minimi”.

Fonte: University of Exeter (2010, September 8). Designing your own workspace improves health, happiness and productivity.

Dott. Leonardo Corsetti

Psicologo Psicoterapeuta. Sono specializzato in Terapia Familiare Sistemica e appassionato divoratore di pubblicazioni relative alla Psicologia Evoluzionistica e alle Neuroscienze. A partire da questi schemi concettuali tratto i principali disturbi psicologici come ansia, fobie, attacchi di panico, depressione ecc... sia in sedute individuali che di coppia o familiari. Il mio studio è in Viale Martiri della Libertà, 28 a Macerata. Potete chiamarmi per un appuntamento al 328 00 31 262 o inviarmi una mail all'indirizzo leonardo.corsetti@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento