Depressione: news dal web dal 10 al 16 Maggio 2010

Lavoro_e_depressione

Notizie relative ai problemi di depressione pubblicate in internet dal 10 al 16 Maggio 2010:

 

  • Terapia telefonica efficace contro la depressione.
  • Stacanovisti a rischio infarto e depressione.
  • Aumentati  del 65% in Giappone i disoccupati che l'hanno fatta finita.
  • Vitamina D per prevenire la depressione.

Terapia telefonica efficace contro la depressione.

Gli psicologi della Brigham University  di fronte al proliferare di “numeri verdi” nati in aiuto delle persone con problemi di depressione si sono chiesti se quello dell’aiuto telefonico potesse essere un metodo efficacie. Per rispondere a questa domanda hanno elaborato una ricerca sulla base di un programma di conversazioni telefoniche dedicato a 30 pazienti con sintomi di depressione maggiore non in trattamento farmacologico. Le telefonate duravano dai 21 ai 52 minuti.  Lo studio, pubblicato su Behavior Therapy, dimostra che il “trattamento” si è rilevato  soddisfacente per la maggior parte degli utenti, al punto da poter affermare che i consulti via telefono o webcam ”sono preferibili, perché  più comodi e meno costosi”. [Fonte]


 

Stacanovisti a rischio infarto e depressione.

In uno studio pubblicato dall'European Heart Journal relativo all’analisi di  sei mila impiegati britannici evidenzia che chi lavora regolarmente 10-11 ore al giorno ha una probabilità di avere un attacco di cuore maggiore di quasi due terzi rispetto agli altri. Secondo i ricercatori il solo orario di lavoro troppo prolungato ha determinato un aumento della probabilità di infarto o angina del 60%, inoltre chi passa troppo tempo al lavoro fa meno esercizio, non si rilassa mai, ed è più probabile che soffra di depressione o ansia, tutti fattori di rischio. Infine chi lavora più delle ore standard ha in genere una personalità aggressiva e competitiva, che comporta un accumulo uno stress e di ansia con evidenti ricadute sulla qualità del sonno. [Fonte]


 

Aumentati  del 65% in Giappone i disoccupati che l'hanno fatta finita.

Il Giappone lotta da anni con un tasso di suicidi elevatissimo, il secondo fra i principali Paesi industrializzati: 24,4 per centomila abitanti contro i 30,1 per centomila della Russia. La crisi economica fa sentire pesantemente i suoi effetti anche in Giappone: nel 2009 più di 32mila persone si sono tolte la vita, superando per il 12esimo anno consecutivo la soglia delle 30mila unità. Lo scorso anno ci sono stati 32.845 suicidi, con un incremento dell'1,85% sul 2008. La depressione è la causa più frequente. Cresciuti del 65% i disoccupati che l'hanno fatta finita. [Fonte]


 

Vitamina D per prevenire la depressione.

Uno studio dell'Istituto nazionale sull'invecchiamento di Baltimora afferma che:  “dare supplementi vitaminici che evitino l'abbassamento dei livelli di vitamina D negli anziani potrebbe divenire una strategia preventiva della depressione”. Questo a seguito di una ricerca condotta da Luigi Ferrucci su 531 donne e 423 uomini di età superiore ai 65 anni per 6 anni. All'inizio dei test il 42% delle donne e il 18% degli uomini soffrivano già di una qualche forma di depressione. Dopo 6 anni, le donne con bassi livelli di vitamina D che non erano depresse all'avvio dell'indagine hanno evidenziato probabilità doppie di aver sviluppato successivamente il disturbo psichico. Una tendenza analoga è stata osservata negli uomini anche se meno decisa. [Fonte]