Maltrattamenti e deprivazioni in età infantile associati ad una riduzione di sostanza grigia nel cervello

violenza-su-minori
Una nuova ricerca condotta dalla Yale School of Medicine dimostra che gli adolescenti, che hanno subito maltrattamenti o che sono stati trascurati in età infantile, hanno meno materia grigia in alcune aree del cervello rispetto a giovani coetanei che non sono stati maltrattati.

Le aree del cervello che risultano meno sviluppate in questi individui sembrano essere correlate al tipo di sofferenza infantile (abuso o abbandono), al tipo di abuso (fisico o emotivo) e al sesso del soggetto.

I risultati della ricerca, pubblicati il 5 Dicembre nella rivista Archives of Pediatric Adolescent Medicine, mostrano che 42 soggetti adolescenti, i quali hanno riferito di essere stati abusati o fortemente trascurati in età infantile, evidenziano una significativa riduzione della materia grigia in aree specifiche del cervello, anche in assenza di diagnosi psichiatrica. Nessuno dei soggetti che hanno preso parte alla ricerca risultava infatti avere una diagnosi psichiatrica o aver intrapreso trattamenti di tipo psicologico o psichiatrico.

Siamo di fronte ad adolescenti che non hanno una diagnosi di malattia, ma che tuttavia portano le evidenze fisiche del maltrattamento o dell'incuria. Queste "prove organiche" delle difficoltà affrontate in età infantile aiutano a spiegare le difficoltà scolastiche, l'ha aumentata vulnerabilità alla depressione e le difficoltà comportamentali che spesso contraddistinguono gli adolescenti con un passato infelice.

La riduzione della materia grigia è stata osservata soprattutto nelle aree prefrontali, indipendentemente dal fatto che ci sia stato abuso fisico o emotivo. Tuttavia, in altre aree del cervello la riduzione di materia grigia era correlata con il tipo di maltrattamento. Per esempio, l'abbandono emotivo, l'incuria, è associata alla diminuzione di sostanza cerebrale nelle aree predisposte alla regolazione delle emozioni.

I ricercatori hanno anche trovato differenze nella diminuzione di materia grigia legate al genere, maschile o femminile. Nei ragazzi, le riduzioni tendono a concentrarsi nelle aree del cervello comunemente associate al controllo degli impulsi e all'abuso di sostanze stupefacenti. Nelle ragazze, la riduzione si concentra maggiormente nelle aree del cervello correlati con una sintomatologia depressiva.

È fondamentale trovare il modo per prevenire il maltrattamento e la deprivazione emotiva in età infantile, ma è altrettanto importante cercare di favorire il recupero di "ferite aperte" durante l'infanzia nel periodo adolescenziale, fintanto che il cervello è ancora contraddistinto da una grande plasticità.

Fonte: Yale University (2011, December 5). Past abuse leads to loss of gray matter in brains of adolescents.