Sigarette elettroniche. No grazie.

adolescente-sigarette-elettroniche

Da una relazione dell'American Thoracic Society (ATS) pubblicata on line emerge la preoccupazione da parte degli esperti della salute pubblica per il crescente aumento, tra i giovani, del consumo di sigarette elettroniche.

La preoccupazione, inizialmente legata solo all'ipotesi che il consumo di sigarette elettroniche potesse aumentare la probabilità sviluppare una vera e propria dipendenza da tabacco, ora si focalizza sui danni provocati direttamente dai dispositivi per la vaporizzazione. Sembra esserci una correlazione diretta tra l'utilizzo di sigarette elettroniche e tosse persistente, bronchiti, catarro e congestione. Le sigarette elettroniche vaporizzano nei polmoni sostanze chimiche quali: metalli ossidanti, glicerolo,  dichetone e nicotina. I ricercatori hanno analizzato i dati emersi da un questionario somministrato nel 2014 ad un campione di 2086 soggetti suddivisi in tre categorie: non consumatori di sigarette elettroniche (76%), consumatori in passato (14,4%), e consumatori attuali (9,6%). Dallo studio è emerso che, rispetto a coloro che non hanno mai provato le sigarette elettroniche, il rischio di sintomi a carico del sistema respiratorio per chi aveva fumato in passato aumentava dell'85%, mentre per chi stava ancora utilizzando le sigarette elettroniche saliva al 100%, cioè raddoppiava. La Food and Drug Administration ha recentemente vietato la vendita di sigarette elettroniche ai minori di 18 anni, e in California la vendita è stata vietata ai minori di 21 anni.

Link Fonte