Sono i neonati a tenere svegli i genitori o, al contrario, i genitori a non far dormire i neonati?

depressione-post-partum-e-disturbi-del-sonno
Secondo i ricercatori del Penn State le madri depresse tendono, con maggiore probabilità rispetto alle madri non depresse, a svegliare inutilmente i loro bambini durante la notte per compensare sentimenti di impotenza e di perdita.

Douglas M. Teti, psicologo e pediatra, afferma che le madri con alti livelli di sintomi depressivi sembrano essere più propense ad occuparsi eccessivamente dei loro bambini, a cercarli durante la notte anche in assenza di una reale esigenza e a passare più tempo del necessario con loro rispetto alle madri con bassi livelli di sintomi depressivi.

Questo comportamento è associato ad un aumento del tempo di veglia dei neonati, in quanto queste donne sembrano cercare i loro bambini anche in assenza di reali bisogni da parte dell'infante. Spesso infatti le madri "depresse" tendono ad interagire con il neonato anche quando questo è addormentato o in dormiveglia, e comunque quando non mostra segnali che indicano la necessità di un supporto.

 

Di solito, le maggiori preoccupazioni dei neo genitori sono riconducibili a problemi di alimentazione o a disturbi legati al sonno. Se tali preoccupazioni si traducono però in comportamenti poco utili, come ad esempio nella tendenza a svegliare un bambino che dorme tranquillo solo per assicurarsi che stia bene si corre il rischio, nel lungo periodo, di danneggiare il rapporto genitore bambino.

In questi casi risulterebbe utile un breve percorso psicologico mirato ad allenare i genitori nella gestione dell'ansia e dei comportamenti ad essa correlati. O, nei casi più gravi, in percorsi maggiormente strutturati per la cura e la gestione dei sintomi depressivi.

I ricercatori hanno trovato, attraverso uno studio che ha coinvolto 45 neonati ed i loro genitori, che i sintomi depressivi sono strettamente correlati con sentimenti di impotenza e di perdita del controllo. Sentimenti a loro volta correlati con l'esigenza compensatoria di uno stretto contatto fisico tra madre e bambino.

 

Fonte: Penn State (2012, April 17). Depression may lead mothers to wake babies.