Depressione: news dal web dal 03 al 09 Maggio 2010

Triste e depresso
News della settimana dal 03 al 09 Maggio 2010 in relazione ai problemi legati alla depressione:

  • Depressione nell’infanzia e nell’adolescenza
  • La depressione è la malattia che spaventa di più le donne
  • La demenza è “contagiosa”
  • Dormire molto non fa bene
  • Una dieta sana previene la depressione
  • Luna di miele e rischio depressione

Depressione nell’infanzia e nell’adolescenza.

Uno studio condotto di recente dall’Università di Roma di Tor Vergata, sostiene che le cause della depressione vanno ricercate, almeno per la metà dei depressi, nei traumi subiti nell’infanzia. I disturbi dell’umore in un bambino predispongono una persona a sviluppare gravi forme patologiche da adulto. Inoltre sul British Medical Journal, l'acting editor Kamran Abbasi, sottolinea che  gli ultimi studi sugli effetti degli SSRI (il gruppo di antidepressivi di nuova generazione inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) dimostrano che una terapia a base di SSRI può far aumentare il rischio di tentati suicidi del doppio, rispetto a un placebo. I maggiori rischi di suicidio si hanno con gli adolescenti e con i bambini, al punto che numerosi medici e psicoterapeuti, oltre a sconsigliare l'uso di SSRI sui giovani, stanno riconsiderando il concetto stesso di depressione infantile e adolescenziale. [Fonte]


 

La depressione è la malattia che spaventa di più le donne.

Una recente indagine sulle tematiche femminili condotta da Onda, l'osservatorio nazionale sulla salute delle donne avrebbe dimostrato che la depressione è temuta dalle donne più del tumore al seno. Le donne italiane temono la depressione (il 53,9%) più di quanto possano temere il rischio di un cancro al seno (24,2%). Lo studio è stato condotto su un campione di mille donne.  Altro dato importante emerso dal sondaggio è che solo il 15% di chi soffre di depressione si rivolge ad uno psicologo mentre il 23% cerca aiuto tra familiari ed amici; una buona percentuale, il 29%, si rivolge al proprio medico di famiglia e solo il 13% allo psichiatra. [Fonte]


 

La demenza è “contagiosa”

Secondo uno studio della Utah State University, pubblicato sulla rivista “Journal of the American Geriatrics Society” (condotto su un campione di 1.221 coppie sposate di età superiore ai 65 anni e monitorate per 12 anni) se la donna sviluppa la demenza il partner ha un rischio maggiore di 11,9 volte di ammalarsi anche lui. Quando invece è l'uomo a soffrirne il rischio per la donna è di 3,7 volte superiore. Le persone con il partner  affetto da demenza sarebbero anche più esposte a depressione e ad altri problemi di salute. Secondo gli scienziati, la colpa sarebbe dello stress nell'assistere il partner malato. [Fonte]


 

Dormire molto non fa bene.

Coloro che dormono abitualmente meno di sei ore per notte,  hanno il 12 per cento di probabilità in più di morire prima di compiere 65 anni rispetto a coloro che dormono da sei a otto ore per notte. D'altro canto, coloro che dormono regolarmente più di nove ore a notte hanno il 30 per cento di probabilità di morire prima di quelli che dormono fra le sei e le otto ore per notte.  Questa è la conclusione di uno studio sul sonno condotto congiuntamente da un team di scienziati della University of Warwick in Inghilterra e dalla facoltà di medicina dell'università di Napoli analizzando i risultati di 16 studi sull'argomento per un totale di un milione e 300mila persone. Studi precedenti avevano già dimostrato che la privazione del sonno è associata con disturbi cardiaci, alta pressione del sangue, diabete e alto tasso di colesterolo. La maggiore novità del nuovo studio è che contraddice le tesi secondo cui dormire molto fa bene. [Fonte]


 

Una dieta sana previene la depressione.

Da uno studio condotto dall'Università di Melbourne è emerso che i problemi mentali sono assai più frequenti nelle donne con una dieta ricca di cibi grassi o altamente raffinati. L'autrice dello ricerca, Felice Jacka, ha spiegato: “Una cattiva dieta ha effetti negativi sul sistema immunitario, e questo, attraverso un'infiammazione sistematica dell'organismo, porta scompensi psichici. L'infiammazione, asintomatica, è rilevabile solo attraverso analisi di laboratorio. Una corretta alimentazione comprende verdura, frutta, pesce, legumi, cereali integrali”. E la dieta mediterranea? “E' assai sana. .Ma bisogna ricordare che quello che non si mangia è altrettanto importante: via zuccheri e grassi, che, tra l'altro, riducono il livello di fondamentali proteine presenti nel cervello”. [Fonte]


 

Luna di miele e rischio depressione

Dopo la luna di miele una coppia su dieci sprofonda nella depressione.  A essere colpite sono soprattutto le donne e i sintomi sono: un senso di vuoto che porta confusione, irrefrenabile voglia di cibo e alcool, incapacità di riorganizzare la propria vita e i propri interessi, parenti troppo vicini cui non si riesce a dir di no, fatica nel difendere i nuovi spazi a due. Secondo Terry Eagan, direttore clinico del Moonview Sanctuary di Santa Monica in California, le donne tendono a mascherare la loro tristezza perché, a poco tempo dal grande passo, se ne vergognano, mentre gli uomini tendono a soffocare i propri sentimenti al resto del mondo ma anche a se stessi. Le cause del disagio sono molte, anche se le più frequenti sono: l’indebitamento conseguente ad un matrimonio fuori portata; l’idea che subito dopo il matrimonio la vita si trasformi in una meravigliosa favola che difficilmente si adatta alla concretezza della vita quotidiana; e il pensare di essere giunti al capolinea e di non dover più affrontare con il proprio partner questioni legate al sesso, al tempo libero o al denaro. [Fonte]